Home Hashimoto Quando ho scoperto la Tiroidite di Hashimoto

Quando ho scoperto la Tiroidite di Hashimoto

di Michela
Infiammazione-tiroidite-di-Hashimoto

Avere la Tiroidite di Hashimoto...

Ormai sono passati più di 8 anni, ma lo ricordo bene quel periodo, ero demoralizzata e frustrata, non capivo cosa mi stesse succedendo: di li a poco avrei scoperto di avere la Tiroidite di Hashimoto.

Di cosa si tratta?

La Tiroidite di Hashimoto è una patologia autoimmune ed è la causa più frequente di infiammazione della ghiandola tiroidea di conseguenza, di ipotiroidismo. Per motivi ancora non noti, l’organismo attacca se stesso e la tiroide viene invasa dagli anticorpi antitiroidei.

La Tiroidite di Hashimoto presenta una varietà di sintomi sistemici, che colpiscono diversi apparati, organi e funzioni (sintomi cardiovascolari, cutanei, neurologici, neuropsichiatrici, muscolari, metabolici, linfatici, gastrointestinali, oculari, uditivi).

Qualcuno potrebbe pensare che la diagnosi (di qualsiasi patologia) sia un brutto momento, in realtà per me è stato un sollievo: finalmente potevo dare un nome a quello che avevo, non era frutto della mia immaginazione o dello stress.

Mi sono trovata in più occasioni a dove giustificare il malessere che provavo, il disagio, i dolori di diversa natura che si presentavano contemporaneamente senza una logica apparente.

Era difficile comprendere, più semplice pensare che fossi solo un pò stressata, che fosse un periodo passeggero, che io esagerassi o che fossi alla ricerca di attenzioni o semplicemente che avessi bisogno di una scusa per rallentare un momento e prendere una pausa.

La mia diagnosi è arrivata per sbaglio, dopo un controllo oculistisco. Un paio d’anni prima ero stata costretta a mettere gli occhiali per un forte calo di vista.
L’oculista insospettito dai miei sbalzi di vista nel tempo, mi ha suggerito di fare degli approfondimenti sulla tiroide per fugare ogni dubbio.
 

Il referto degli esami del sangue riportava valori sballati, lontanissimi dal range di riferimento:

AB – ANTIPEROSSID. TIROIDEA         RANGE    0 -16             VALORE RISCONTRATO   1590

AB – ANTI TIREOGLOBULINA             RANGE     0 -100          VALORE RISCONTRATO    3030

Dopo la visita di routine dall’endocrinologo e l’ecografia al collo, sentii per la prima volta nominare l’Eutirox… amico e nemico di una vita.

 
Per farla breve, a seguito della corretta diagnosi e dell’inizio della terapia farmacologica vi riassumo cos’è cambiato per me:
 
  • ho recuperato la miopia e tolto gli occhiali (sono passata da 8,5/10 a 12/10 per occhio),
  • non ho più avuto crampi e dolori muscolari durante il sonno,
  • è diminuito il senso di stanchezza,
  • sono diminuiti i forti sbalzi d’umore,
  • non ho più avuto episodi di emicrania, che era diventata ricorrente,
  • si sono attenuati i problemi di digestione,
  • sonno più regolare.

Tutto questo fa parte del complesso mondo della Tiroidite di Hashimoto.

 
Nonostante ci sia chi la sottovaluta, chi nega che esista o chi ne minimizza i sintomi, moltissime persone ne soffrono e ognuno la sperimenta in modo diverso: i sintomi cambiano, l’intensità e la frequenza cambiano, la durata varia e possono aggiungersi patologie correlate.
 
La terapia ormonale aiuta a mantenere stabili i valori ma non controlla tutti i sintomi che sviluppa.
 
Io sono felice di aver capito che cos’ho e, nonostante #Hashi mi accompagni quotidianamente, non ho mai smesso di credere che si possa trovare un modo per stare sempre meglio 🙂